Il viaggio

Il viaggio può essere inteso sotto tante forme: il viaggio intorno al mondo, il viaggio spirituale, il viaggio della vita o il viaggio mentre leggi un libro.

Molti possono essere i tuoi compagni di viaggio: alcuni rimangono con te solo alcuni istanti altri non sono nemmeno umani, ma hanno due orecchie e una coda.  Arrivano nella tua vita in una calda estate e ne escono dopo molti anni e ti lasciano un vuoto, che forse non sarà possibile colmare.

C’è sempre un compagno di viaggio particolare, uno che ti ruba il cuore e non le lo restituisce nemmeno quando se ne va.

La mia unica rassicurazione è che ora sono in un grande prato verde a correre e divertirsi senza sofferenze, ma non rende la cosa più semplice.

In un anno se ne sono andati uno dopo l’altro e un pezzo della mia vita se n’è andata con loro. So che prima o poi li ritroverò, ma per ora l’unica cosa che posso fare è chiudere gli occhi e immaginarli felici.

 

La mia Mr. Wonderful

Fin da quando ero piccola ho amato la cartoleria e tutte le splendide cose che trovavo nei vari negozi, anche se quando ho fatto io le scuole c’era ben poco, non come oggi.

Ricordo ancora, con odio, la cartella verde militare che mi avevano comprato e che speravo si rompesse presto perché volevo un Invicta. Sfortunatamente  arrivò solo al liceo: un Invicta nero con bordi viola (che ho buttato durante l’ultimo trasloco).

Internet ha semplificato molte cose, compreso il confronto fra le persone che amano la cartoleria (e non solo) e sono nati tanti gruppi su FB da cui trarre ispirazione.

Ammetto che era molto tempo che non compravo un’agenda, non ne sentivo il bisogno, ma da Settembre molte cose cambieranno e necessitavo di mettere in ordine la mia vita. Leggi tutto “La mia Mr. Wonderful”

Erik – Capitolo Uno

Ci sarà sempre un’altra opportunità, un’altra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni fine c’è un nuovo inizio.
(Antoine de Saint-Exupéry)

Capii immediatamente che doveva dirmi qualcosa, non aveva nemmeno il coraggio di incrociare il mio sguardo e sentivo il suo imbarazzo. Stringeva la borsetta fra le mani, era talmente nervosa che non si rese nemmeno conto della pioggia che aveva iniziato a cadere e a bagnarci.

Leggi tutto “Erik – Capitolo Uno”